xxxLanguages
Login

 

 

Istituto di formazione riconosciuto dallo Stato (in Germania)

 

Le Costellazioni Hellinger® sciencia di Bert e Sophie Hellinger sono divulgati in tutto il mondo attraverso la Hellinger®schule e i loro docenti nei vari corsi di formazione al „Costellatore Hellinger sciencia®“. Tutti i seminari tenuti da Bert e Sophie Hellinger e della Hellinger®schule sono riconosciuti per la formazione.

Login utente

Inserire username e password per effettuare il login:

Dimenticato la password?

 

Noi siamo un istituto associato alla 

Bild

 

La Hellinger  sciencia , qui in questa grafia voluta deliberatamente, è la scienza dell’amore dello spirito. E’ una scientia universalis, la scienza universale degli ordini della convivenza umana, dalle relazioni nella famiglia, quindi tra marito e moglie  e tra genitori e figli, compresa la loro educazione, agli ordini nel lavoro, nella professione e nelle organizzazioni fino agli ordini tra gruppi estesi come ad esempio i popoli e le culture.

      Allo stesso tempo è anche la “scientia universalis” dei disordini che conducono la convivenza umana ai conflitti e a separare gli uomini l’uno dall’altro, invece di unirli assieme.

      Questi ordini e disordini si trasferiscono  anche al corpo. Giocano un ruolo importante nelle malattie e nella salute fisica, dell’anima e dello spirito.

      Come mai si chiama Hellinger sciencia     ? Ho avuto questa idea  e l’ho anche descritta. L’ho sperimentata nell’attività pratica e anche pubblicamente,  pertanto molti hanno  potuto provare gli effetti di queste idee tanto su sé stessi quanto sulle loro relazioni e azioni. Ciò dimostra che si tratta di una vera scienza.

      Come scienza, la Hellinger sciencia      è in movimento. Vale a dire che il suo sviluppo è in corso e lo é proprio grazie alle esperienze e alle idee di molti altri, che si sono affidati ad essa e anche alle sue conseguenze. Quale scienza vivente e non compiuta non è da intendersi come una scuola che comunica e dove si apprende un qualcosa di definitivo. Perciò, non c’è neppure alcun controllo sul suo successo che in qualche misura la dovrebbe giudicare secondo dei parametri  al di fuori di lei e come se lei dovesse   giustificarsi in base  ad essi. I suo effetto e la suo successo sono la sua giustificazione. E’ sotto tutti i punti di vista una scienza aperta.

La Hellinger sciencia       dà motivo di porre la domanda su fino a che punto è lecita questa definizione.  Anch’io me lo sono chiesto questo e poiché,  soltanto lentamente ho appreso la portata delle mie idee sugli ordini della convivenza umana e dell’amore umano, ho riconosciuto che queste confluiscono assieme in una scienza più ampia, al di sopra delle nostre relazioni e che è giunto il momento di considerala una scienza a sé a cui deve spettare il suo proprio posto pubblico. 

 Il mio nome è garanzia che questa scienza viene descritta e presentata nella sua chiarezza originaria.

Trovate di più su Die Hellinger Sciacia …………..

La dimensione spirituale della Hellinger sciencia

La Hellinger sciencia     ha raggiunto un’altra dimensione superando i concetti di ordine e disordine nelle nostre relazioni, una dimensione spirituale.  In primo luogo, solo riferendoci a lei ci rendiamo conto della portata di questi concetti. Solo riferendoci a lei è comprensibile il suo significato universale e le conseguenze che ne derivano in tutti gli ambiti.

      Che cosa è questa prospettiva spirituale e quali sono le sue dimensioni? Questa prospettiva  parte da un’ osservazione e dalle conseguenze che ne derivano: tutto ciò che c’è non si muove da solo. Viene mosso dall’esterno. Anche quando qualcosa si muove, come se si muovesse da solo, come per esempio tutto ciò che vive, il suo movimento ha un inizio che non può essere spontaneo. Pertanto, ogni movimento, anche il movimento di tutti gli esseri viventi è riconducibile ad un movimento che viene dal di fuori di loro e non solo all’inizio del loro ciclo vitale, ma ininterrottamente finché c’é vita.

      Ancora qualcosa deve essere considerata qui. Ogni movimento, in primo luogo qualsiasi movimento vitale, e un movimento consapevole. Presuppone una consapevolezza di quella forza che muove tutto. In altre parole: ogni movimento è un movimento pensato. Entra in movimento perché viene pensato da questa forza e si muove così come è pensato.

      Che cosa c’è all’origine di ogni movimento? Un pensiero, che tutto pensa così come é.

      Che cosa ne consegue? Per questo pensiero non c’è nulla di diverso da come lo vuole, da come è e da  come si muove. Ogni movimento è, alla fin fine, un movimento di questo spirito. Perciò, per questo spirito nulla termina.

      Tutto ciò che era, lo si pensa così come pensa noi nel presente e allo stesso tempo, come saremo.

      Poiché egli pensa  a quello che verrà  assieme al passato, il passato è collegato a tutto ciò che verrà. Il passato è in movimento verso quello che verrà  e raggiunge in esso il suo pieno compimento.

      Ma,  anche ciò che deve venire sarà passato e si muove tanto come un passato quanto come ciò che verrà. Non è immaginabile che tutto questo pensiero in movimento finisca e come non può esserci nulla che non sia pensato da  lui,  così non può esserci nulla dopo di lui. E poi, chi o cosa dovrebbe ancora pensare dopo lui?

      Sulla base di questo pensiero, finiscono molte ipotesi e considerazioni  finora importanti. Per esempio, l’idea del libero arbitrio, l’idea di una responsabilità personale.  E questo spazza via molti dei giudizi di valore e delle differenziazioni  caratterizzanti la nostra cultura.

      Qui, accenno, in primo luogo, alla distinzione tra bene e male, tra giusto e sbagliato, tra prescelto e rifiutato, tra sopra e sotto e alto e basso, migliore e peggiore e per ultimo anche tra vita e morte.

      Eppure, continuiamo ad incontrare queste differenze e le viviamo pure. Non sono anch’esse pensate e volute da questo spirito, così come sono?

      Qui, si deve riflettere sul fatto che il passato e quello che deve venire non sono la stessa cosa. Il passato è sulla strada di ciò che verrà.     Perciò, la nostra esperienza ci insegna che esiste un prima ed un dopo, un più ed un meno.

      Cos’è questo meno? Che cosa è questo più? E’ più consapevolezza o meno consapevolezza. Ci troviamo in un movimento da meno consapevoli a più consapevoli. Ci troviamo in un movimento che  in unisono con il suo spirito e con il suo  ampio movimento, ci muove da minore consapevolezza a maggiore consapevolezza. Per noi esiste un movimento di più o meno che non è pensabile per questo spirito. Per lui non esiste nessun più e nessun meno. Tuttavia, questo movimento  e tutto ciò che in lui incontriamo è pensato da questo  spirito. E’ pensato così da lui tramite noi, qualunque sia l’esperienza richiesta  per raggiungere una maggior consapevolezza.

      A chi riesce di ottenere questa  maggior consapevolezza? A chi riesce di essere più in unisono con la consapevolezza  di questo spirito? Possiamo esserlo personalmente? Possiamo esserlo da soli in questa vita? O tutti gli uomini del passato, di oggi e da venire sono su questo cammino assieme e tutti assieme raggiungono questa consapevolezza? La raggiungono assieme con tutte le esperienze già fatte e che devono ancora essere fatte sia da noi come pure da molti altri, sia in questa vita che in molte altre? Anche qui solo assieme?

 

La libertà

Naturalmente, ci sentiamo liberi a riguardo di molti aspetti. Naturalmente, ci sentiamo responsabili per le nostre azioni e per  le loro conseguenze.     Allo stesso tempo, noi, però, sappiamo che un'altra forza, un potere spirituale in movimento, ha pensato, ha mosso e ha voluto così la nostra libertà, la nostra responsabilità e la nostra colpa con tutte le loro conseguenze,  che noi viviamo come fossero nostre peculiarità.

      Agiamo diversamente? Possiamo agire diversamente? Da dove prendiamo la forza per muoverci diversamente  e per  agire diversamente?

      Cosa ci resta?  Agire, proprio come abbiamo fatto finora in armonia con  la nostra libertà, la nostra responsabilità,  il nostro passato e la colpa con tutte le loro conseguenze, così come sono e come noi le sperimentiamo.

      Ma allo stesso tempo le viviamo come una maggiore consapevolezza  in unisono con questo spirito che tutto muove. Noi le sperimentiamo anche come una maggiore consapevolezza sia per noi che per tutti quelli che sopportano le conseguenze della nostra libertà e della nostra responsabilità e quelli che sono stati coinvolti nelle conseguenze delle nostre azioni e della nostra colpa.

Tutte queste persone vivono lo stesso evento diversamente. Attraverso lo stesso evento fanno un’esperienza diversa. Se percepiscono, sentono di essere contemporaneamente liberi e non liberi e in questo modo raggiungono una maggiore consapevolezza  forse anche una maggiore comunione con  questo spirito che muove tutto. Raggiungono più  consapevolezza e con ciò  permettono loro e a molti altri di andare un po’ avanti sul cammino verso una più ampia consapevolezza.

La preoccupazione

In questa dimensione spirituale finisce la preoccupazione, anche la preoccupazione circa il futuro della Hellinger sciencia. Viene da un movimento dello spirito, così come è stato pensato da questo spirito e rimane in movimento così come questo spirito la pensata,  indipendentemente se qualcuno la consente  o la rifiuta. Da scienza universale quale è, dimostra la sua verità nell’uno come nell’altro caso solo attraverso il suo effetto.

      Allora,  che ne è delle preoccupazioni che ci facciamo sul futuro: sul nostro futuro, sul futuro degli altri uomini e sul futuro del mondo? Queste preoccupazioni non sembrerebbero ridicole come se si potesse cambiare o impedire qualcosa tramite loro? Sarebbero preoccupazioni  contro il movimento dello spirito come se fossero indipendenti da lui.

      Diverso è con le preoccupazioni che ci fanno essere in sintonia con il movimento di questo spirito. Sono preoccupazioni dell’ assistenza al servizio del mondo, così come questo spirito le muove. Sono in sintonia con la sua preoccupazione e assistenza. Queste preoccupazioni sono in accordo con gli ordini della vita, anche con il loro inizio e la sua fine.

Il futuro

In sintonia col pensiero di questo spirito, per noi, ogni futuro è ora. Questo spirito pensa tutto ora. Nella dimensione spirituale finisce la preoccupazione verso quello che verrà. Ciò che sarà  ci viene mostrato  ora in sintonia con questo movimento. Poiché esiste qualcosa che sarà, per noi c’è un futuro, ma un futuro ora.

      La Hellinger sciencia è una scienza per l’ “ora”. Tutte le sue conoscenze hanno effetto ora e subito. Anche ogni resistenza verso queste conoscenze ha effetto ora e subito. In ciò, si mostra che la Hellinger sciencia è una vera  scienza, una scienza delle nostre relazioni ora.

L’amore

In fin dei conti la Hellinger sciencia  è una scienza dell’amore. E’ una scienza universale dell’amore. E’ la scienza di quell’ amore che comprende tutto e proprio tutto allo stesso modo.

      Come riesce questo amore? Riesce in sintonia col pensiero dello spirito, che muove tutto come lo  pensa. E’ amore in sintonia col pensiero di questo spirito , è consapevole del movimento di questo spirito. Sa come ama e come può amare perché é consapevole di  questo amore in sintonia con la consapevolezza dello spirito.  Perciò questo amore è puro come  lo è questa consapevolezza. E’ puro perché viene mosso da un altro pensiero. E’ un amore sciente, è puro amore che sa.

      Pertanto è anche un amore creativo, ma creativo in sintonia con il pensiero di questo spirito. Ne consegue che questo amore diventa anche una scienza, una scienza universale. Come scienza universale ha un effetto universale. Ha effetto perché è vera .

 

Traduzione dal tedesco a cura di Nadia Crozzolin.